04 giugno 2007

L'ultima stanza del mondo

La stanza è fiocamente illuminata. Un alone di luce si diffonde intorno alla lampadina sorretta da un filo nero e consumato che pende dal soffitto scrostato. Tutt’intorno il buio resiste e si annida tra gli oggetti, languendo placido negli spazi. A fatica si intravede un piccolo tavolo, basso e quadrato, al centro della stanza, esattamente al di sotto della debole lampadina, quasi messo lì apposta, per una ragione precisa ma ormai sconosciuta.
Sul tavolino quattro bicchieri di forme e fattezze diverse, in alcuni pare ancora versato un liquido denso, colloso, di colore viola e intorno delle lattine e una bottiglia di vino senza etichetta. Un posacenere trabocca mozziconi di sigarette piegate e mezzofumate.
L’odore di birra, vino scadente e tabacco ristagna nell’aria e tocca la pelle quasi come una sensazione tattile, appiccicosa, unta.
Si ode un brusio, un bisbiglio, un parlottare fra sé e improvvisamente il rumore di un accendino che s’accende; la fiammella bluastra illumina le fattezze di un uomo per un breve istante, il naso, le labbra che stringono la sigaretta, i baffi cespugliosi, e poi lo sbotto di fumo, biancastro che sale, spiraleggiando, verso l’alto nell’alone sferico della lampadina accesa.
- Smettila di fumare-
La voce arriva dal lato opposto rispetto al punto rosso della brace della sigaretta che in tutta risposta si fa più luminosa e una nuova, nebbiosa, ondata di fumo attraversa la sfera di luce, in onde che si inseguono in spire ritorte.
- Sei uno stronzo! -
Nessuna risposta all’insulto e il silenzio torna a regnare nella stanza.

7 Comments:

Blogger Logos said...

Così inizia il racconto che proporrò al Kremo per l'antologia Kipple - Connettivista.
Nasce da un'immagine, una sensazione, un odore immaginato, una visione fumosa trasformata lentamente in parole. Faticosamente strappata alle circonvoluzioni di un cervello fanstasioso.
O forse solo ricettivo.
Logos

10:31 PM  
Anonymous zoon said...

l'entropia che nasconde le nefandezze umane? fai bene a leggere quelle cose... un abbraccio :)

3:55 PM  
Anonymous laura said...

Adesso ho voglia di fumare.
Per tutti coloro che mi hanno detto: "Smettila" e "Sei una stronza".

7:10 PM  
Blogger Logos said...

@ Laura:
Uno dei commenti migliori che abbia trovato sul mio nero blog...

@ Zoon:
Desiderio impellente di una weis al quartier San Lorenzo con te e il saggio X. Oppure alle Colonne di San Lorenzo da me...
Insomma Lorenzo è il nome della Connessione!

9:17 PM  
Blogger 7di9 said...

Ho letto il tuo intero racconto mio Super-Compagno di memi... Non ho parole, davvero. Abbagliato... Troverai una mia breve mail nella tua posta. A presto.

Un abbraccio Malato

7di9

12:12 AM  
Anonymous soffiodimaggio.splinder.com said...

Davvero bello. A quando il seguito?

6:21 PM  
Blogger Logos said...

Grazie Soffio Di Maggio,

un onore averti qui, in questa nera stanza.
Il racconto e' finito e in lettura ai miei pochi (ma ottimi) lettori.. 7di9, Antares, Illusione.. io spero venga pubblicato sulla seconda Antologia Connettivista.. e' stato scruitto per questa ragione.. se volessi sapere come va a finire (l'assassino non e' il maggiordomo) chiedi pure e te lo inviero' con immenso piacere.
Grazie.
Logos.

4:03 PM  

Posta un commento

<< Home


adopt your own virtual pet!